Immagine

Gnocchetti sardi (malloreddus) – Ricetta base

Oggi ho pensato di stuzzicare un po’ l’interesse con una ricetta base. Si tratta, precisamente, di una ricetta sarda. Stavolta non arriva da nessuna amica, ma da un libro che ha comprato mia madre lo scorso anno, quando lei e papà sono andati in vacanza sull’isola. Il libro è davvero particolare, è stampato sul cartone e carta riciclata, davvero bellissimo, da un odore particolare e con i disegni fatti tutti a mano: meraviglioso! Le ricette sono scritte sia in sardo che in italiano e guardandole capisco perfettamente perché il sardo sia una lingua a parte!

Il libro potete vederlo in foto, ma si chiama “Sardegna a Tavola”, di Raffaele Balzano.

Read more

Immagine

Pardulas – dolci sardi di Pasqua

Una mia amica sarda, precisamente di Dorgali – in provincia di Nuoro -, ha risposto con entusiasmo alla mia richiesta di ricette tradizionali per Pasqua, inviandomi un sacco di immagini da un suo librone di famiglia. Tra queste, quella che mi ha attirato di più, soprattutto dalle foto, erano queste pardulas. A parte il nome – fighissimo! – mi sono innamorata di loro perché gli ingredienti sono molto simili a quelli della pastiera, e quindi ho stradeciso di provarla 😀

Ecco la mia campana – sarda ricetta delle pardulas (o casadinas!): le mie sembrano tante piccole tartarughe col guscio, vero?

Read more

Immagine

L’angolo del tè: una rubrica di e sul tè #5

Anche questo mese, la rubrica torna! E questo mese, ricettina salata: più nello specifico? Un primo piatto da leccarsi i baffi! Io Mi son mangiata ben due piattoni pieni pieni, ma devo dire che son rimasti tutti molto contenti della ricetta – assai bizzarra -, ma apprezzatissima!

Ho utilizzato uno dei miei tè preferiti, regalo di un amico per il mio compleanno: io lo adoro!

Read more

Immagine

I sani venerdì: insalata di rucola con pere, mele, noci e parmigiano

Questa ricetta mia madre dice che l’ha ricopiata da un hotel a Trieste qualche anno fa e da allora la propone sempre quando ha qualche frutto che si sta iniziando a rovinare. Detto sinceramente, non mi sono informata su quale fosse la zona d’origine di questo particolare accostamento, ma il risultato è buono, mica è importante sapere da dove nasce?

Come al solito, prima ricetta e poi trovate sotto le caratteristiche alimentari e salutari dei vari ingredienti del piatto 😀

Read more

Immagine

Sarde in saor

Le sarde in saor sono un antipasto tipico veneziano. Questo piatto nasce da un particolare metodo di conservazione del pesce che veniva utilizzato a bordo delle navi, il quale favoriva una lunga conservazione del prodotto. Col passare del tempo, però, la ricetta ha acquisito un tono più “aristocratico”, diventando un vero e proprio piatto tipico.

Io l’ho preparato in Calabria, con sarde freschissime appena pescate, un bel po’ di tempo fa! Mia sorella si lamentò tutto il tempo per la puzza di sarde (che lei odia) con la quale io e la mia amica le abbiamo appestato la casa, ma per noi il risultato è stato ottimo!! La ricetta l’abbiamo vista da non ricordo quale rivista, dove si parlava anche dell’anniversario della nascita della ricetta.

Read more

Immagine

Zeppole al forno

Le zeppole, sono il tipico dolce per la festa di san Giuseppe. Ci sono varie ipotesi sull’invenzione di questo dolce, riferita sia alle suore di San Gregorio Armeno sia a quelle della Croce di Lucca, sia a quelle dello Splendore, tutte a Napoli. La prima ricetta scritta risale al 1837, nel trattato di cucina napoletana di Ippolito Cavalcanti. Nella tradizione napoletana esistono due varianti di zeppole di San Giuseppe: fritte e al forno. La ricetta di quelle fritte è già sul blog, ma quelle al forno non le ho mai provate e quale occasione migliore di questa?

Ho provato un sacco di varianti, sia per la pasta che per la cottura, girando un po’ sul web, ma sono uscite tutte male. Ma per fortuna esistono i libri! Sfogliando un libro di mia madre sulla cucina napoletana, ho trovato una ricetta con una spiegazione meravigliosa sia per quanto riguarda l’impasto che la cottura e, infatti, sono uscite buonissime *-*

Read more

Immagine

Fichi secchi al cioccolato

I fichi secchi, come sto scoprendo navigando sui vari blog, sono molto importanti nella tradizione natalizia italiana. Qui venivano farciti con quel che si aveva in casa: per la maggior parte era la cupeta – un torrone tipico campano che viene preparato con frutta secca e zucchero – e si consuma solitamente durante le feste.

fichi-secchi-e-cioccolato-5

I fichi secchi venivano legati insieme con i fili delle “vitacchie” – ovvero le viti selvatiche – e veniva chiamato “chietta” una volta che tutti i fichi venivano legati insieme. Questo era anche un regalo per i bambini, che veniva posto in una calza assieme a 50 lire, un mandarino e della frutta secca: un ghiotto regalo!

Read more

Immagine

Zeppole di Natale

La ricetta di oggi si preparara come antipasto per la cena della Vigilia (vorrei dire: uno degli antipasti!), ma quest’anno mia madre ha preparato le zeppole con un giorno d’anticipo, quindi alla Vigilia non ci sono proprio arrivate ahahah tra una foto e l’altra io, mio padre e mia cugina le abbiamo mangiate tutte (ben 2 kg di zeppole!). Quindi già potete capire quanto siano buone… La ricetta è quella che nella mia famiglia si prepara da sempre, mamma l’ha imparata da sua nonna, modificando solo la presenza delle alici perché piacciono a mio padre (e a me!).

zeppole-di-natale-1

Read more

Immagine

Struffoli

Gli struffoli, un dolce tipico napoletano per il periodo di Natale, ha una storia davvero lunghissima: i greci portarono nel Sud Italia dei dolcetti con una preparazione molto simile i loukoumades (ghiottonerie). Il nome del dolce, inoltre, deriverebbe dal greco stróngylos, ovvero “di forma tondeggiante”.

Un’altra ipotesi, molto più vicina ai nostri tempi è la derivazione spagnola: in Andalusia esistono dei dolcetti simili a quelli napoletani, chiamati piñonate, che differiscono dagli struffoli per la forma allungata. Questa ipotesi è molto più accreditata per la lunga dominazione spagnola dei Borboni in tutto il sud Italia. Ma è solo nel 1634 che da un ricettario di cucina di Giovan Battisti Crisci che il nome “struffoli” compare la prima volta come dolce, ma senza nessuna relazione al pranzo di Natale.

struffoli-2

Le teorie ovviamente proseguono e ogni paese, città e regione del Sud Italia ha il suo modo di preparare gli struffoli. Infatti io vi lascio la ricetta di mia madre!

Read more

Immagine

Baccalà fritto – veloce!

Questa settimana salta la rubrica del venerdì perché non ho avuto un minuto di tempo per preparare qualcosa e venerdì nemmeno ci sarò perché dovrò passare tutta la giornata fuori casa… Che noia. Cosa che ho già fatto ieri e dovrò fare pure domani, perché a quanto pare ho avuto un karma davvero cattivo nelle mie vite precedenti: prosegue la mia mania che io sia stata Hitler. Coooomunque, non potevo certo lasciarvi senza una deliziosa ricetta sana da preparare, ma sempre con lo spirito natalizio: qui al Sud (ma penso in tutt’Italia, anche se mia zia a Firenze l’altro giorno ha screditato le mie credenze) per Natale cuciniamo il baccalà in qualsiasi modo o maniera e la ricetta sicuramente che adoro di più è il baccalà fritto in pastella: semplice e veloce (e di alta qualità cit. Antonino Cannavacciuolo)!

baccala-fritto-3

Read more