Immagine

I sani venerdì: bruschette di fave e pancetta

Sani venerdì non vuol dire ricette tristi e dietetiche, ma bensì mangiare bene e sano! E queste due parole non sempre vogliono dire ricette tristi! Ed è per questo che sono rimasta un po’ bloccata con questa rubrica, perché cercavo ricette tristi e sane, quando invece bisogna mangiare bene e in maniera felice: ecco la ricetta di oggi, sconsigliata a chi è allergico alle fave 😛

Read more

Immagine

Cotoletta di peperoni

Stavo pensando ( 🤔 ) che forse è arrivato il tempo (finalmente!) di mangiare i peperoni: lo so, lo so, manca ancora un mesetto, ma già iniziano a vedersi da qualche fruttivendolo ad un prezzo accessibile! E io allora vi consiglio una cosa buonissima che mi ha consigliato proprio il fruttivendolo 😍 e vi assicuro che è davvero buonissima (ne ho anche un’altra da provare, sempre sua!)

Read more

Immagine

I menù fuori casa: panino con la parmigiana

Lo spettacolo del panino ripieno, secondo me non c’è cosa migliore di questo: fa tanto terrone al mare con la borsa frigo ❤

Questo mese di lunghissimi ponti è ormai finiti (sigh sob) e quindi mi verrebbe da dire che si torna a lavoro, a scuola… Ma invece su questo blog trovate un delizioso panino per rallegrare il vostro ennesimo lunedì (ops, martedì!) triste 😀

Ovviamente, la miglior cosa da fare con questo panino è usare un avanzo di parmigiana, ma voi sapete come si fa? NO? Allora leggete la ricetta!

Read more

Immagine

Polpette di Philadelphia

Di ritorno dal mio lungo week-end dalla Calabria, mi preparo fisicamente a quello romano! Questo mese mi sono presa un po’ troppi impegni, ma sono sempre contenta di viaggiare 😀 cosa c’è di brutto in questa cosa? Doversi preparare un pranzo che non occupi molto spazio e i panini, si sa, sono barboooosi… E quindi? Le polpette! Ecco una ricetta sana e buona e gustosa e vabbè, guardatela, no?

Read more

Immagine

Pasta al forno con le polpettine

C’è una bella disputa sull’origine delle polpettine nella pasta al forno. C’è chi dice che siano napoletane, c’è chi se la porta in Calabria, chi arriva in Sicilia, poi si sposta in Puglia, passa per la Basilicata e non si dimentica il Molise. Ma io direi che quando c’è un piatto così grasso e pieno di roba, non possiamo che affermare che il Sud gli abbia dato l’origine, no? Da voi si mettono le polpettine nella pasta al forno?

Comunque, più piatto da festa di così? Visto che ci avviciniamo a Pasqua, vi do’ qualche suggerimento per il pranzo!

Ricetta preparata e impiattata da mia sorella: io facevo la balia ❤

Read more

Immagine

I sani venerdì: crocchette di spinaci

Ho fatto questa ricetta per portarmela a pranzo. Visto che mi trovavo, ho preparato un po’ d’impasto in più, anche per il pranzo dei miei, così è diventata da ricetta fuori casa a ricetta per i sani venerdì: vorrei dire, cosa c’è più sano degli spinaci? Io, personalmente, li adoro! Mi bevo perfino i frullati a base di spinaci 😀

P.s. questa ricetta è già stata sperimentata ben due volte da un’amica, quindi il successo è assicurato! E non era manco uscita la ricetta ufficiale, anteprima assoluta u.u

Read more

Immagine

⁠⁠⁠Fingerwurst

Tempo fa, parlando della mia rubrica del venerdì con degli amici e di alcune ricette che stavo preparando per essa, uno di questi ha detto “ok i sani venerdì, però il giovedì devi farli col peggio del peggio!”. Oggi, ripensando alle sue parole, ho deciso di fare il mio peggio del peggio (anche in materia di foto ahahah) con questa ricetta! Anche il nome è stato inventato da questa persona, che ringrazio e gli dedico questi wurstel, che non potrà mangiare perché ce li siamo mangiati tutti io e papà!

wurstel-fritti-pastella-6

Godetevi la frittura di Carnevale, più carne-vale di così, si muore 😛

Read more

Immagine

I sani venerdì: flan di topinambur

Questa settimana è stata davvero orrenda. Vorrei davvero finisca presto, ma purtroppo oggi starò fuori tuttaaaaa e dico tuuuuutta la giornata, quindi ho programmato questo post ieri. Non potevo lasciarvi un altro venerdì senza sanità, già ne abbiamo poca in Italia (che battute salaci e mordaci, proprio per concludere al meglio).

flan-di-topinambur-2

Beh, ritorniamo a toni allegri e vi parlo di questo fantastico ortaggio: il topinambur. Ah! Strano a dirsi, ma questo strano esserino che trovate nel banco frigo dei supermercati a prezzi assurdi, è l’ortaggio più diffuso nelle campagne italiane: cresce in maniera infestante in zone rurali ed è spesso scambiato per un girasole. Scavando nel terreno, troverete i suoi frutti: dei deliziosi patatoni color rossiccio-marroncino dal caratteristico sapor di carciofi (da alcuni ho sentito caldarroste, cosa ne pensate voi?). Oggi sono buona, vi allego anche una foto del fiore, così, quando tornerà a’ staggione (l’estate) potrete scovarli e spiantarli quando il fiore sarà ormai secco (all’incirca verso ottobre-novembre)

Read more

Immagine

I menù fuori casa: caprerello – panino con pere e formaggio di capra

Ovviamente, quando si prepara il pane fatto in casa, solitamente si vuole fare qualcosa di speciale, a meno che non sia una cosa usuale. Se poi il pane in questione ha tante cosucce dentro, viene subito il dubbio che si voglia preparare qualcosa in particolare! Ovviamente, quando sto in giro per l’università, io devo sempre portarmi qualcosa che mi regali la voglia di vivere, perché con i collegamenti dei mezzi pubblici tra casa mia e Napoli, c’è solo voglia di buttarsi dal cavalcavia. Quindi perché non premiarsi per lo sforzo ENORME con un ENORME panino?

panino-pere-formaggio-capra-3

La scelta del nome: deciso da un’amica, non ha finito di spiegarmi perché nel mentre sono andata a dormire, do’ una mia spiegazione: capra di formaggio e rello di bello? E voi che dite? Aspetto la sua risposta in giornata u.u

Read more

Immagine

Pane bianco cranberry e noci

Ho scoperto negli ultimi tempi, che esiste ‘na cosa chiamata “biga”. Ho sempre pensato che fosse quel carro romano che utilizzavano per farci le gare nei Circhi, ma a quanto pare serve anche per fare il pane. Ovviamente non si tratta né di legno né di cavalli, ma di farina fermentata. Ho cercato di capire perché si chiamasse così, ma sinceramente non ho trovato notizie. Quel che so è che nel mio paese viene chiamato “criscito”, letteralmente “crescere” ed ha molto più senso, perché ovviamente il lievito aumenta di dimensioni e quindi, come un bambino, cresce. Visto che ultimamente va molto di moda farsi in casa il proprio lievito, chiesi a mia madre di aiutarmi a farlo, ma ovviamente lei essendo una donna d’altri tempi – tempi in cui tutti ce lo avevano in casa – non c’ha visto niente di speciale e mi ha anzi detto che era una perdita di tempo, perché esisteva un metodo alternativo che tutti utilizzavano in caso di mancanza del lievito madre. Io mi sono incuriosita ed ecco la mia prima sperimentazione con la biga – o “criscito”.

pane-noci-cranberry-7

Devo dire che un ringraziamento va alla fantastica Sara Papa che mia madre segue assiduamente su Alicetv, altrimenti e mo’ lo scoprivo!

Read more