Immagine

A cena con la lettura: Afrodita – racconti, ricette e altri afrodisiaci, Isabel Allende

Premessa: Isabel Allende è la mia scrittrice preferita da quando avevo 14 anni. Ho letto ogni suo libro, ne ho più io che una libreria ben fornita! Ho perfino libri che alla Feltrinelli mi chiedono “ma sicuro sia suo?”… Tra questi, un tempo, c’era proprio questo Afrodita. Quando ero piccolina, era difficile per me venire a conoscenza di nuovi libri degli autori: primo perché non avevo internet e secondo perché a Benevento sono dei disgraziati che fanno fallire le librerie, quindi ce n’era una sola. La fortuna di quella libreria ha voluto che si trovasse vicino al mio liceo, quindi io ci passavo giornate intere lì dentro e ho fatto ovviamente amicizia con il proprietario che mi faceva arrivare qualsiasi libro bizzarro mi venisse in mente. Ed è così che ho scoperto questo libro/ricettario.

Mi pento delle diete, dei piatti prelibati rifiutati per vanità, come mi rammarico di tutte le occasioni di fare l’amore che ho lasciato correre per occuparmi di lavori in sospeso o per virtù puritana.

Chi è l’autrice?

Isabel Allende è nata a Lima, Perù (senza nemmeno guardare informazioni su altri siti, so più io della sua vita che internet) il 2 agosto 1942. Cresce in Cile, Paese natale di sua madre, dopo che quest’ultima ha il coraggio di lasciare il marito, reo di alcuni scandali a sfondo sessuale. Cresciuta nella casa del nonno materno a Santiago – capitale cilena -, l’Allende è circondata da un’atmosfera mistica che l’accompagnerà per tutta la sua esistenza: si tratta di sua nonna, la quale, secondo la giovane scrittrice (ai tempi, eh!) era una veggente. Si va così formando il carattere curioso e intraprendente della donna che la porterà a dover abbandondare il Cile quando, nel 1973, ci sarà un colpo di stato ai danni di suo zio, il presidente comunista Salvador Allende. Per un certo periodo vivrà con suo marito e i figli in Colombia e sarà lì che, mentre cerca di scrivere una lettera al nonno morente, si renderà conto di star scrivendo il suo primo romanzo: La casa degli spiriti.

Di cosa parla?

Il romanzo si divide in – quasi – tre parti: romanzo, con storie inventate dall’autrice, storie autobiografiche e ricette. La madre dell’Allende, Panchita, è una cuoca appassionatissima ed è una grande esperta in materie amorose. Si tratta, infatti, di un libro scritto a quattro mani da madre e figlia, legatissime. Cresciute entrambe in un ambiente molto religioso, qui ritroviamo due donne che sono pronte, invece, a mettersi completamente in gioco sul punto di vista sensuale, scatenando la fantasia sia sulla carta che ai fornelli.

Quali sono le ricette?

Le ricette sono davvero numerose, correlate di disegni meravigliosi (Robert Shekter) e di consigli pratici sull’esecuzione. Dalla salsa corallina alle pere ubriache, dall’habanera di gamberi all’insalata delle odalische, dalla zuppa scacciapensieri alle ciliegie civettuole: un patrimonio di ricette piccanti e spiritose condite con le spezie dell’ironia (grazie, retrocopertina).

Perché questo libro?

Penso sia chiaro che ho una passione per questa donna, ma se non l’avete capito ve lo riscrivo, eh! Comunque, ho pensato di scuotere un po’ il blog con questo libro piccante (ma, giuro, non è per niente sconcio!): inoltre le ricette sono davvero squisite, io ne ho provate tantissime assieme a mia cugina e siamo sempre rimaste a leccarci i baffi. Alcune le trovate anche sul blog, non potevo certo astenermi dal pubblicarle 😀

Vabbè, stavolta non posso nemmeno criticare niente, lei è troppo brava, punto!

Isabel Allende, Afrodita – racconti, ricette e altri afrodisiaci- Edito Feltrinelli – 10 euro – 1998 -> Link per acquistarlo

Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su GOOGLE+!
Il blog è anche su TWITTER!

Annunci

26 pensieri su “A cena con la lettura: Afrodita – racconti, ricette e altri afrodisiaci, Isabel Allende

  1. Ma sai che ne l’ho letto (e ne ho scritto) proprio pochi mesi fa? Non lo conoscevo affatto e l’ho trovato divertente, soprattutto grazie al modo di scrivere della Allende, perché come contenuto non è che proprio mi abbia entusiasmato. Continuo a preferirla come narratrice, anche se gli unici libri che ho letto risalgono a quando ero ragazzina, e mi erano piaciuti molto. Forse è il tempo di rispolverarla 😀

        1. Io ho iniziato con la città delle bestie, che è il primo della saga (di cui fa parte anche il regno del drago d’oro!)
          Poi la figlia della fortuna pure l’ha messo nella saga familiare de La casa degli spiriti… Si è divertita a fare i collegamenti XD

  2. Isabel Allende è anche la mia scrittrice preferita!!! Aspetto sempre con ansia che esca un suo nuovo romanzo. Mi piace perchè le donne dei suoi libri sono sempre donne eccezionali. Il suo capolavoro per me resta sempre “La casa degli spiriti”, ma amo tutti i suoi romanzi! Sono contenta che piaccia anche a te!

    1. Esattamente!! Anche io la penso così, mi fa sentire felice di essere donna, sapere che ce ne sono di così intraprendenti e libere nei suoi libri, anche perché poi lei è così 😀
      Io sono rimasta un po’ delusa con L’amante giapponese, ma solo perché a metà libro avevo già capito tutto XD

  3. Bella la rivisitazione librosa delle ricette, mi piace un sacco!
    E poi scusa, smettiamola di essere così bacchettoni, l’erotismo si insinua in ogni ambito e se vissuto con consapevolezza e rispetto non fa male a nessuno.
    Non ci sarebbe nessuno di noi se non si fosse aggiunto un pò “di pepe” nelle coppie 😉
    Comunque ora aggiungo alla lista degli “odiabili” anche quelli che fanno fallire le librerie.

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...