Digressione

A cena con la lettura: Il turista, Massimo Carlotto

Questo mese vorrei presentare un libro diverso dal solito. Si tratta, infatti, di un giallo. Ma, essendo scritto da un italiano, è pieno di riferimenti alla nostra cucina! E, più precisamente, alla cucina veneziana. Il libro mi è stato prestato e l’ho tenuto in ostaggio perché ho dimenticato di fare le foto fino a ieri, anche se il libro l’ho finito da tipo un mese!

massimo-carlotto-turista-1

Venezia è la città sbagliata per coloro che finiscono sulla bocca di tutti. Non esistono auto, la gente si muvoe a piedi, si incontra e parla, commenta, ricama sulle notizie con un’abilità perfezionata nei secoli.

Chi è l’autore?

Carlotto nasce nel 1956 a Padova e viene ricordato soprattutto per un caso giudiziario nel quale fu coinvolto, finendo perfino in carcere con l’accusa di omicidio volontario. La storia è davvero lunghissima, perché durò molti anni, ma vi allego la pagina del caso Carlotto. Tutte queste vicende, però, gli hanno permesso di scrivere una sorta di autobiografia nel 1995, che lo ha reso famosissimo in Italia e soprattutto negli Usa. Da questo libro, inizierà una proficua carriera come scrittore, diventando uno dei più importanti autori di genere noir italiani.

Di che cosa parla?

Il turista è un caso molto particolare: noi conosciamo già il nome e cognome dell’assassino fin dalle prime pagine, ma è qualcun altro il protagonista reale: è Venezia. La città, infatti, viene descritta nei minimi particolari, catapultando perfino un lettore inesperto tra mille stradine ed edifici. Incontriamo, quindi, il personaggio de Il turista, un serial killer che uccide giovani donne in giro per l’Europa (e da qui il nome). A Venezia, però, il nostro killer ucciderà la persona sbagliata e si troverà ben presto alle costole una non meglio specificata società segreta, aiutati su territorio italiano da un ex commissario, Pietro Sambo.

massimo-carlotto-turista-3

Quali sono le ricette?

A differenza dei libri di cucina (ovviamente è un giallo!), qui le ricette sono descritte nella preparazione: il commissario prepara ai suoi ospiti della polenta accompagnata da nero di seppia e seppioline tagliate al coltello, descrivendo per una lunga pagina tutte le azioni compiute per preparare il piatto. A pagina 68, inoltre, troviamo la descrizione di un dolce tipico veneziano: la torta della marantega, o torta della befana. Pietro Sambo ci fa sapere perfino dove comprare questo dolce nella miglior pasticcieria della città!

Perché questo libro?

Come avrete capito, sono rimasta molto colpita dagli inserimenti culinari all’interno del libro. Vengono inserite perfino alcune tradizioni tipiche veneziane legate all’ospitalità (come quella di conservare in casa sempre del pane e salame per gli ospiti improvvisi) o consigli su quale parte della città visitare per non trovare dei menù “turistici”. Il tutto inserito in una meravigliosa cornice, quella di Venezia che, ripeto di nuovo!, è descritta nei minimi particolari, immaginavo quasi di trovarmi lì 😀

La lettura è molto scorrevole, un giallo molto semplice e ben strutturato che allo stesso tempo mantiene il lettore col fiato sospeso per tutta la lettura, fino all’ultima pagina del libro.

Considerazione personale: probabilmente l’autore è un nerd non dichiarato!

massimo-carlotto-turista-2

Massimo Carlotto, Il turista – Edito Rizzoli – 18 euro – 2016 –> link Amazon per acquistarlo

ilaria

Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su GOOGLE+!
Il blog è anche su TWITTER!

Annunci

24 pensieri su “A cena con la lettura: Il turista, Massimo Carlotto

    1. Si! L’ho messo perché mi stava infastidendo durante le foto e l’ho trovata bellissima *-* lo abbiamo trovato a metà novembre davanti casa, lo hanno abbandonato e ha a breve compie 4 mesi 😦
      Se ti piacciono le cose con inserti di cucina, ti consiglio un telefilm: Please Like Me!

    1. Questo libro è davvero stupendo! Io grazie al gruppo di lettura sto scoprendo davvero moltissimi autori italiani bravissimi ai quali non mi sarei mai avvicinata!!
      Il cagnolino è Lillo, nuovo acquisto: lo abbiamo trovato a metà novembre davanti la porta di casa, tutto sporco e affamato… Aveva paurissima di noi, ma per fortuna c’era Macchia e quindi si è lasciato avvicinare. Abbiamo provato a chiedere in giro e mettere annunci per scoprire se fosse di qualcuno, ma l’ipotesi è che sia stato abbandonato ad appena 3 mesi… L’ho messo perché mi dava fastidio mentre fotografavo ed è uscito bene in quella foto ahahah

      1. Fortunello! Probabilmente l’hanno scaricato di proposito davanti a casa vostra. Macchia è bravo. Fosse stato Sirio o ancora peggio la Iole, non sò come avrebbe reagito.
        Il gruppo di lettura mi affascina, ma non sempre riuscirei a ritagliarmi il tempo anche per quello. Lo seguo per interposta persona, chedo il resoconto ai nostri amici che lo frequentano.

        1. Macchia sotto sotto lo odia, spesso lo picchia, ma la mia amica veterinaria mi ha spiegato che lo fa per fargli capire chi è il capo ahahahah
          Da noi è sempre quello degli scambisti di libri, dove ognuno porta i suoi libri preferiti e chi vuole ne prende uno

          1. Ma povero Lillo! Però è sempre così. Quante ne ha prese Sirio dalle Iola. E adesso cerca di darle indietro.
            E’ un meccanismo tragico, che si riscontra soprattutto negli umani. Io non riesco a capire perchè, se hai subito, devi infliggere gli stessi abusi. Ma la psicologia, ormai, non riesco a dipanarla.

            1. Ci sta un libro che si chiama “Come Smettere di Fare la Vittima e non Diventare Carnefice” che aveva lo scopo di cercare di fermare questo circolo vizioso. Lo regalarono a una mia amica al liceo che aveva parecchi problemi di autostima, ma dice che la situazione non è così semplice solo spiegata da un libro!

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...