Immagine

A cena con la lettura: Cucina cinese, Ken Hom

Il nuovo appuntamento di questa rubrica è con la cucina orientale, più precisamente con quella cinese. Nei miei lunghi pomeriggi a perditempo vado alla Feltrinelli, sfoglio i libri di cucina (o altri libri in generale) e poi mi faccio una lista sull’agendina di quelli che vorrei comprare, così li prendo su internet o quando ci saranno gli sconti (voi aumentate i prezzi, io risolvo per altre strade). Coooomunque, vi lascio all’articolo!

ken-hom-cucina-cinese-3

-Ilaria-

Chi è l’autore?

Mentre in Cina il governo di Mao instaurava un vero e proprio regime di terrore, aprendo campi di lavoro, cercando di rialzare l’economia distrutta (dagli occidentali!) con manovre non sempre favorevoli, negli Usa Ken Hom iniziava ad insegnare la cucina cinese agli americani. Quando questo tipo di cucina non era ancora stata scoperta dai più, lui si lanciò in una sfida difficilissima, cercando di far conoscere la sua cultura. Fin dall’età di 12 anni aiura lo zio nella preparazione di piatti nel loro ristorante cinese a Tucson, Arizona. Ma è dai numerevoli viaggi in Cina durante e dopo gli anni 80 che impara moltissimo: la Cina, infatti, si è rialzata in maniera velocissima e sono riusciti a riscattarsi grazie a una classe media in crescita che chiedeva a gran voce qualità ed eccellenza nei piatti, favorendo quindi anche una certa attenzione alla presentazione del cibo nei ristoranti.

Di cosa parla?

Il libro è una testimonianza di una trasformazione della cucina cinese che nell’ultimo periodo è stata velocissima. Il libro contiene ricordi dei piatti preparati in casa dalla madre dell’autore e dei vari ristoranti in cui ha lavorato oppure di piatti che ha avuto modo di conoscere in Cina. Contiene anche delle interessanti considerazioni sulle differenze di gusto in Cina nel Nord e nel Sud.

ken-hom-cucina-cinese-2

Quali sono le ricette?

In questo caso si tratta di tutte ricette tradizionali cinese, divise in antipasti, zuppe, carne, pollame, pesce & frutti di mare, verdure, riso & pasta, dessert. All’interno non troverete (mi dispiace) la banale ricetta del riso alla cantonese, ma moltissime ricette tradizionali reali della cucina cinese! Tantissime varianti di ravioli, moltissime ricette di salse (importantissime nella cucina cinese) e altre particolarià che vi stupiranno!

Unica nota negativa: mancano moltissime ricette di base, per la maggior parte (essendo un libro comunque scritto per il pubblico Americano) è consigliato di acquistare direttamente pronto. Ma no, io voglio farlo a casa, maledetto!!!

ken-hom-cucina-cinese-1

Perché questo libro?

Ormai lo si sarà capito che ho una passione per la cultura orientale. Al ristorante cinese ci vado fin da piccola, la signora mi adorava e mi portava sempre piatti prelibati che faceva preparare appositamente per me (<3). Quindi, quando ho visto questo libro, ho deciso subito di comprarlo appena lette le prime pagine. Mi ha attirata soprattutto come abbia spiegato le differenze culturali nel cibo tra nord e sud (pensate che non stiamo parlando dell'Italia dove da Milano a Palermo! Ma di posti moooolto più vasti), dell'uso importantissimo delle salse per insaporire i cibi, delle spezie e, soprattutto, sull'uso del glutammato di sodio – altra cosa molto importante.

ken-hom-cucina-cinese-4

Ma comunque vorrei finire con due note di colore: il libro è stampato in Cina (why??) e Ken Hom per un certo periodo ha insegnato cucina italiana (ma boh!)

Ken Hom, Cucina cinese – Edito Guido Tommasi Editore – 25 euro – 2012 –> Link Amazon per acquistarlo

Il blog è anche su FACEBOOK!
Il blog è anche su GOOGLE+!
Il blog è anche su TWITTER!

Annunci

35 pensieri su “A cena con la lettura: Cucina cinese, Ken Hom

  1. La cucina cinese è la più illustre al mondo, non c’è dubbio che sia un libro molto interessante, se non altro per capire un po’ di quella cultura millenaria e così difficile per noi. Qualche giorno fa sono stata in un ristorante cinese e ho mangiato involtini primavera (pensa un po’) e insalata di bambù, buona! Mentre mio nipote, che dalla Cina è nel frattempo rientrato, ha mandato una foto dove mangia una pizza, che vergogna!!! Io i libri li compro dappertutto …

    1. Una pizza in Cina??? Ma no!!! Io penso che se mai riuscirò ad andare, mi riempirò la valigia di pasta e sugo, poi i vestiti li compro lì! Per il resto a me piace tantissimo la cucina cinese, tutti quei sapori forti, agrodolci… Mamma mia!

    1. Ormai si, io in passato compravo sempre nella libreria di fronte la mia scuola, con 20 euro compravo anche 5 libri alla volta (quello secondo me con i soldi miei si è fatto il secondo piano della libreria), ora con 20 euro compro un libro

        1. Mi fa troppa tristezza. A Benevento è rimasta letteralmente solo quella libreria. Da quando non vado più a comprare libri tutti i giorni ha dovuto lasciare il piano che aveva comprato con i miei soldi (ahahah)

  2. Io sono molto selettiva nell’acquisto dei libri di cucina. Se potessi li comprerei non dico tutti, ma quasi. Però per economizzare cerco di limitarmi a quelli che sono proprio sicura che siano fatti bene. A volte su alcune pubblicazioni si vede chiaramente che i testi sono incompleti, tagliati a metà di una frase, o altri pasticci simili!

      1. Guarda, capisco benissimo la tua delusione… Ma a volte per alcune persone super-impegnate, anche preparare qualcosa con delle basi pronte, solo da assemblare, rappresenta comunque una “Sfida culinaria”! Però certo, per una appassionata di cucina sembra una “truffa”! 🙂

  3. Segnare titoli e comprare su Internet non mi piace. E’ come entrare nell’unica calzolaria del tuo paese, provare le scarpe e poi mandarle a prendere. Le librerie muoino, i centri storici muoiono, i nostri paesi son già belle che defunti. Amazon sfrutta i sui dipendenti costringendoli a lavorare coi pattini e il pannolone. Cosa che ormai succede anche nella grande distribuzione. Siamo sicuri che sia progresso? Col libro in questione non nulla a che vedere, ma …….

    1. Questo in questione l’ho proprio comprato da Amazon (per finire!), però non valeva manco quei 4 euro risparmiati… Anche Amazon ormai è diventata una truffa, ha alzato i prezzi delle spedizione e ti obbliga a mettere per forza il Premium! Io, sinceramente, compro solo libri super costosi da amazon, tipo che mi da’ il 50% di sconto (come in questo caso che era tipo il 20%), per il resto grande cliente delle librerie, però ormai solo con gli sconti perché (mi pare che l’ho detto?) le case editrici hanno alzato i prezzi in maniera esagerata! Io ho comprato nel 2009 1984 di Orwell a 8 euro. Ora quello stesso libro sta a 11 euro e 50! Ma dai >.> (a loro, eh!)

  4. Ecco, il libro delle incongruenze.
    Ma il senso di scrivere un libro di ricette, senza ricette, che ti consiglia di comprare la roba pronta? Ma come???!!!
    Comunque i libri cartacei stanno diventando una roba da ricchi, appostarsi dietro gli scaffali segnare titoli e cercare offerte mi sembra il minimo, alla facciaccia loro.

    1. Eh! E poi li sto sfogliando meglio, perché non voglio più fare questa fine di mettere da parte i soldi e poi comprare un libro che mi dice “ah, vabbè, ma vai al supermercato e compra questo e quest’altro”, ma sei nabbo?

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...