Immagine

L’angolo del tè: una rubrica di e sul tè

Ho deciso di aprire una nuova rubrica su una delle mie più grandi passioni: il tè! Per ora gli ho dato un nome provvisorio, perché è sempre difficile trovare un nome alle cose, a volte ci vogliono perfino anni! Anzi, se avete un nome, consigliatemelo ahahaha

torta-fichi-noci-earl-grey-17

Comunque, bando alla polvere negli angoli (per restare in tema) e iniziamo a parlare di questa nuova rubrica! Sarà così strutturata: una descrizione del tè, dove è stato acquistato, quanto è stato pagato, la marca e ovviamente cosa ne penso io. Ma il bello sta che con questo tipo di tè, io preparerò un dolce o un salato, proprio per far scoprire un nuovo utilizzo, soprattutto in questo ambiente, in cucina del tè! Allora, vi ho convinto? Immergetevi nella lettura!

-Ilaria-

Il tè.

Tè nero “Earl Grey” Tea & Coffee House – Ravenna – Prezzo per 50 gr: 3 euro (6 per 100 gr)

Le foglie sono arrotolate in forma allungata e sottile. Il sapore è forte e persistente, il tè nero è ricchissimo si antiossidante, quindi da un sapore definito “astringente”, ovvero leggermente amarognolo, ma che indica la bontà del tè – ovvero naturale e pieno di polifenoli (quindi che ci reca moltissimi benefici, soprattutto alla pelle). Il colore del tè è ambrato scuro.

earl-grey-rubrica-3

earl-grey-rubrica-1


La ricetta.

Torta ai fichi e noci (aromatizzata all’Earl Grey)

torta-fichi-noci-earl-grey-16

Ingredienti: x22 cm di teglia

Per il pan di spagna:

  • 4 uova
  • 200 gr di zucchero bianco
  • 200 gr di farina 00
  • ½ bustina di lievito per dolci
  • ½ cucchiaino di essenza di vaniglia
  • 1 cucchiaino di tè nero “Earl Grey”

Per la bagna:

  • Acqua
  • Succo di limone
  • Zucchero
  • Essenza di vaniglia

Per la crema:

  • 200 ml di panna per dolci già zuccherata
  • 250 gr di mascarpone
  • 50 gr di noci già sgusciate

Per la decorazione finale:

  • 10 fichi freschi
  • 25 gr di noci già sgusciate
  • 1 cucchiaio di miele abbastanza liquido

Tempo di preparazione: 20 minuti

Tempo di cottura: 30 – 40 minuti

Tempo di riposo: 3 – 4 ore (meglio ancora tutta la notte)

Preparazione:

Pan di spagna: preriscaldare il forno a 180°. In una ciotola capiente, mescolare per almeno una decina di minuti con le fruste elettriche le uova intere, la vaniglia, il tè ben sbriciolato e lo zucchero. Unite a poco a poco la farina e poi il lievito, continuando a sbattere il tutto. Quando avrete ottenuto un composto ben sodo, pieno di bolle (le noterete perché “esplodono”), controllate che il composto sia ben denso e che scriva: ovvero, alzando le fruste e muovendole sulla superficie dell’impasto, questo letteralmente lasci delle righe. Versate in una teglia imburrata e infarinata di 22 cm di diametro e ponete in forno caldo a 180° per circa 30 – 40 minuti (fate la prova stecchino per controllare che il pan di spagna sia cotto), poi estraete dal forno e lasciate raffreddare per bene. Per evitare che si formi l’umidità all’interno della torta, girate la teglia su uno strofinaccio pulito e lasciate raffreddare in questa posizione fino a quando la torta non sarà fredda e potrete staccarla senza paura che si rovini. Fate attenzione: la torta dovrà essere ben fredda per tagliarla, altrimenti finirete solo per romperla!

Per la bagna: unite tutti gli ingredienti in un bicchiere e mescolate. Tagliate la torta in due parti e bagnate gli strati e poi farcite con la crema.

Per la crema: Con le fruste, lavorate prima la panna e poi unite il mascarpone, lavorando con un cucchiaio o una spatola. Tritate al coltello le noci e aggiungetele alla crema. Sul pan di spagna ben freddo e già bagnato, cospargete con una spatola o con una sac à poche con una bocchetta larga la crema e poi coprite il primo disco con il secondo e fate la stessa cosa.

Per la decorazione finale: Dopo aver messo la crema anche in cima, lavate i fichi, tagliateli in due parti e usateli per decorare la torta. Tritate grossolanamente le noci e spargeteli sulla superficie. Infine, versate con attenzione il miele su tutta la cima della torta.

torta-fichi-noci-earl-grey-32

SEGUITECI SU FACEBOOK!
SEGUITECI SU GOOGLE+!
SEGUITECI SU TWITTER!

Annunci

64 pensieri su “L’angolo del tè: una rubrica di e sul tè

  1. Bell’idea una rubrica sul te’, una cosa nuova, molto carina. A questo proposito ti do un’idea se ti può interessare, l’estate scorsa sono stata in vacanza alle Azzorre e non lo sapevo ma li hanno una grande produzione di ottimo tè, abbiamo visitato la fabbrica che si chiama Cha Gorreana e ho anche delle foto, se ti può interessare te le posso passare. Bella anche la torta ai fichi da mangiare col tè, molto golosa 🙂

  2. ilaria che spettacolo questa rubrica!!!!!!!!!! come posso non esserne lieta (mi chiamo o no “infuso” di riso!), intanto complimenti per la torta , difficile da preparare ma lo so già: buonissima:)))))))

  3. L’Earl Grey, insieme con quello al gelsomino e l’affumicato Lapsang Souchong della Twining, hanno segnato la mia giovinezza. Riuscirai a stare dietro a tutte le rubriche o dobbiamo chiamare Antonietta? ❤ Un bacio.
    Senti, e se io adoperassi il pan di Spagna pronto mi banneresti?

    1. Io vivo per il bergamotto! E infatti questo è uno dei miei tè preferiti, assieme a uno che qui chiamano Calabria e che ha bergamotto e fiordaliso, una cosa stupenda!
      Ti ringrazio, stavo aspettando qualche approvazione positiva!

        1. La prossima volta metterò due palloncini dietro la tazza di tè… Anzi, hai qualche consiglio? Io volevo andare sul facilissimo matcha che, essendo polvere, è veramente stupido da mettere ovunque! Invece mi voglio complicare la vita… Sappi che in casa ho 23 tipi diversi di tè ahahahah di tutti i colori e misure ahahah

          1. Io ho scoperto un negozio sia fisico che on-line di Rimini, ottimi prezzi e gran qualità sia di the che di infusi (di cui ne ho quantità industriali OVVIAMENTE!).
            Il matcha è mooooolto sdoganato per creme, gelati, torte, biscotti, frullati, a mio avviso la sfida sta proprio nel riuscire ad usare le cose più classiche in maniera nuova, tipo na bella gelatina aromatizzata al the per dire oppure usare l’infuso al posto della parte liquida su altre preparazioni magari sostituendo al latte….
            Non sono ferratissima purtroppo sul fattore cucina😦

            1. Questo commento era finito nella spam per qualche misterioso e arcano motivo.
              Comunque! Io compro spessissimo in un negozietto che si trova nel centro storico di Napoli, è piccolo, ma molto fornito. Poi spesso un amico palestinese che a sua volta ha un negozietto mi regala un po’ di tè alla menta turco, quello bello forte, che ti sparano a vista se bevi con lo zucchero.
              In realtà ieri sera ho avuto una mezza illuminazione per un tè che ho comprato al festival dell’Oriente alla liquirizia, sempre dagli stessi tizi che ho messo qui nel post (che sono di Ravenna, ma vogliono un po’ troppi soldi per la spedizione), molto profumato, secondo me l’idea che ho in mente non sarebbe male, devo solo trovare dei “cocci” in cui infilare la mia idea (ma come sono scurrile!)
              Come si chiama il negozio? Ti do’ la mail così il commento non viene bloccato, a volte non fa pubblicare la gente che mette i link (anche se il limite è di 3 link per commento, boh) ricettedacoinquiline@libero.it

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...