Gnocchi con asparagi e salsiccia

Gnocchi con asparagi e salsiccia

Il tempo degli asparagi sta finendo, qualcuno ancora se ne trova, ma meglio approfittare di condividere qualche ricettina che ho provato in tutta questa primavera 🙂 io adoro gli asparagi, preferito quelli selvatici, ma mia madre ne ha coltivate alcune piantine, che sono state davvero prolifiche grazie a tutta l’acqua che c’è stata in questo periodo!

gnocchi  (15)

Ingredienti: x4 persone

  • 400 gr di gnocchi di patate
  • 250 gr di asparagi selvatici
  • 300 gr di salsiccia bianca
  • Foglioline di salvia
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • Sale q.b.
  • Olio evo q.b.
  • 250 ml di besciamella aromatizzata con curcuma

Tempo di preparazione: 15 minuti

Preparazione:

In una salta pasta capiente, versate dell’olio evo sul fondo e poi la salsiccia fatta a pezzi e fate soffriggere per un paio di minuti, unite gli asparagi tagliati a pezzi, sfumando con il vino. Salate e, a piacere, unite un po’ di pepe nero. Lasciate cuocere a fiamma media/bassa fino a quando gli asparagi non saranno morbidi. Potete unire anche dell’acqua di cottura degli gnocchi, che dovrete preparare nel frattempo.

Mentre cuoce il sughetto, preparate la besciamella seguendo la ricetta e, una volta finita, unite una puntina di curcuma per colorarla.

Quando tutto sarà pronto, scolate gli gnocchi e versateli nella salta pasta con la salsiccia e gli asparagi, unite la besciamella e mescolate per bene per amalgamare il tutto e poi servite!

gnocchi  (5)

-Ilaria-

SEGUITECI SU FACEBOOK!
SEGUITECI SU GOOGLE+!
SEGUITECI SU TWITTER!

Annunci

49 pensieri su “Gnocchi con asparagi e salsiccia

    1. L’ho messa ieri sera in lavastoviglie, con le dovute attenzioni, ma stamattina, nel prenderla, i pezzi si son staccati 😦 per fortuna era perché sono proprio due pezzi separati, uniti dalla colla a caldo!
      Grazie mille! Qui qualcuno ancora ancora c’è, li ho visti venerdì al supermercato 😀

                  1. Certo! Io non conosco le logiche che regolano certe scelte commerciali, mi limito a non capirle e a non condividerle. Se tutti fossero come me (e come molti, per fortuna non sono sola), che guardo sempre le provenienze e non compro nulla che non sia locale, alla fine nemmeno il supermercato proporrebbe più quel genere di prodotti. E quindi meno voli aerei, meno inquinamento …

                    1. Però se il supermercato li ripropone, significa che in molti li comprano 😦 ma io purtroppo ho notato che moltissima gente non fa la minima attenzione a ciò che compra e poi si va lamentando dell’olio di palma che fa male, senza manco sapere perché o per cosa… Bah!

                    2. Esatto, proprio così. Io spero fermamente che se non li compro, e insegno ai miei figli a non comprarli, e tante mie conoscenze non li comprano, piano piano qualcosa succeda … Ci vuole una fede incrollabile 😉

        1. Qui noi siamo una piccola e bizzarra comunità finto calabra… Secondo me! Perché abbiamo troppe somiglianze con la cucina calabrese e non con tutte quelle che ci circondano 😄 devo proprio finire di leggere il libro su tutta la storia del paese, mi fermo sempre ai romani perché è un saggio >.>

                  1. Anche a me, da tempo. La Maria mi passa tutti quelli che ha letto, ne ho degli scatoloni.
                    A proposito di libri, le due righe di introduzione ai cinnamon roll le hai prese dal libro? Le avevo lette paro paro in qualche blog, senza citazione.

                    1. No, su questo libro l’unica frase che c’è scritta è quella che vedi nell’immagine gialla (che poi è quella che mi ha convinta a comprarlo… In realtà me lo hanno regalato perché avevo finito i soldi!)

  1. Beh, la tua mamma è davvero un mito: non è usuale la “coltivazione casalinga” degli asparagi. Qui ci sono ancora, c’è una rispettabile produzione locale, domani vado al mercato e ne faccio scorta, si prestano alla conservazione 😉 Ciao inquilina bella e brava ❤

        1. Tsk! Zucchine, fagiolini, peperoni, pomodori, mais… Fortunatamente mio padre durante il comunismo di Mao sarebbe passato per possidente terriero, quindi ora abbiamo tanto spazio per queste coltivazioni, ma non è che per il governo italiano sia diversa la cosa 😄 (una cosa senza senso questo messaggio, sono arrabbiata che si è rotta l’alzatina!)

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...