Immagine

Bigné con crema al limone e zenzero (senza glutine e lattosio)

Da quando mi sono trasferita all’università, la percentuale di persone che ho conosciuto è aumentata esponenzialmente e, con essa, anche la possibilità d’incontrare persone che hanno delle allergie. Un giorno mi è quasi capitato di uccidere un amico allergico alla soia, un altro di servire un piatto di pasta con la panna a un intollerante al lattosio e un altro ancora di provare a sperimentare la pasta senza glutine per un’amica che non poteva mangiarlo. Da qui, e soprattutto grazie al blog, ho iniziato a sperimentare le alimentazioni “senza” in primis per me, ma soprattutto per i miei amici che non possono mangiare questo o quell’altro alimento. A me piace moltissimo cucinare per chi voglio bene e se questo mi è reso più complesso da qualche allergia, ben venga: imparerò a farlo!

bignè senza glutine e lattosio (6)

Questa ricetta è dedicata a due persone: una che mi ha aiutata telefonicamente a crearla e l’altra per chi l’ha mangiata :3

Ingredienti: x circa 12 bignè

Per i bigné:

  • 40 gr di farina di riso finissima
  • 25 gr di fecola di patate
  • 100 gr di acqua
  • 40 gr margarina
  • Un pizzico di sale
  • 1 uovo grande (circa 70 gr compreso di guscio)

Per la crema:

  • 200 gr di Philadelphia senza lattosio
  • 1/4 di succo di limone
  • La punta di un cucchiaino di polvere di zenzero

bignè senza glutine e lattosio (1)

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 20 – 25 minuti

Preparazione:

Preriscaldare il forno a 200°.

In una pentola dal fondo spesso, versate l’acqua e la margarina e fate cuocere a fiamma bassa fino a quando non si sarà sciolto per bene. Mescolate con un cucchiaio di legno e poi versate tutta in una volta la farina, mescolando lontano dal fuoco. Otterrete un composto ben compatto, morbido e sodo. Lasciate raffreddare per bene e poi aggiungete l’uovo, mescolando con il cucchiaio di legno, dall’alto verso il basso per incorporare aria. Quando il composto sarà simile a una crema, mettetelo in una sac à poche e spremete dei piccoli bignè con la forma che più preferite: io ho disegnato dei cerchi di circa 3 – 4 cm di diametro sul retro della carta forno e poi ho usato il beccuccio a stella per creare la forma.

bignè senza glutine e lattosio (2) bignè senza glutine e lattosio (3)

Ponete i bignè nella teglia e metteteli in forno caldo – nella parte più alta – in modo da farli crescere perché accanto al luogo più caldo. Fateli cuocere per almeno 20 minuti senza MAI aprire lo sportello del forno, altrimenti si sgonfieranno!

Una volta cotti, ve ne accorgerete perché saranno belli bruni, spegnete il forno e lasciateli per qualche altro minuto a riposare, in modo da farli asciugare all’interno.  Una volta ben croccanti (lo sentirete toccandoli leggermente con le dita), tirate fuori dal forno e fate raffreddare per bene.

Nel frattempo preparate la crema: con una spatola, lavorate insieme il succo di limone, lo zenzero e il Philadelphia senza lattosio, fino ad ottenere una bella crema densa e compatta. Tagliate a metà i bignè freddi e con la sac à pochè decorate con la crema che avete preparato e poi servite come deliziosi antipasti.

bignè senza glutine e lattosio (4)

-Ilaria-

Consigli: In alternativa, unendo dello zucchero alla crema, questi sfiziosi bignè potranno essere utilizzati anche come dolce!

Vi consiglio anche di preparare questo dolce la mattina per il pranzo o comunque la sera prima, in modo da smorzare il sapore forte del limone e renderlo un delizioso finger food 🙂


Con questa ricetta partecipo al Primo Anniversario della raccolta de L’orto del bimbo intollerante, curata da Senza è buono e Manuela di Il mondo di Ortolandia 🙂

SEGUITECI SU FACEBOOK!
SEGUITECI SU GOOGLE+!
SEGUITECI SU TWITTER!

Annunci

42 pensieri su “Bigné con crema al limone e zenzero (senza glutine e lattosio)

  1. In bocca al lupo per il contest. La ricetta è deliziosa e sul discorso intolleranze, purtroppo può capitare che tra i commensali ci sia qualche allergico, l’importante è saperlo prima.
    Devo dire poi che non hai certo problemi a creare piatti squisiti anche per chi purtroppo ha difficoltà alimentari.

        1. Che peccato 😦 io anche le sento spesso, guardai un programma sotto Pasqua dove si parlava proprio delle intolleranze e di quanti locali imbroglino su ciò che mettono nelle pietanze… Ho capito che volete lucrare, ma andate a farlo da un’altra parte!

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...