I menù fuori casa: insalata di orzo e farro

I menù fuori casa: insalata di orzo e farro

Le insalate fredde sono un piatto che – mi pare – sono state affrontate tantissime volte qui sul blog. Vuoi perché quest’anno l’estate è stata molto calda, o comunque perché son davvero buone, le insalate sono un ottimo piatto da portare fuori casa. Una volta ho preparato un intero set di insalate e i vari condimenti per un pranzo all’aperto 😀

insalata di farro e orzo (20)

Oggi vi ignorerò un bel po’ perché ho un mal di testa terribile >.>

Ingredienti:

  • 4 cucchiai di farro
  • 4 cucchiai di orzo perlato
  • 1 scatoletta di tonno (a scelta vostra se al naturale o all’olio)
  • Pomodori ciliegino
  • Finocchio
  • Olio evo per condire
  • Sale q.b.

insalata di farro e orzo (2)

Tempo di riposo: 1 notte

Tempo di cottura: 10 – 15 minuti

Tempo di preparazione: 10 minuti

Preparazione:

Per prima cosa, ricordatevi di mettere a bagno il farro e l’orzo. Io avevo utilizzato due scodelle diverse perché avevo inizialmente intenzione di fare due insalate separate, ma alla fine ho avuto l’illuminazione di unirle insieme e fare un’unica insalatona u.u passato questo tempo, cuocete in acqua pulita e salata fino a quando non saranno morbidi. Scolateli e lasciateli raffreddare.

In alternativa, in commercio esistono delle buste di farro e di orzo che cuociono 10 minuti senza bagno, però i miei erano bio, comprati ad un mulino, quindi per forza dovevano farsi un bel bagnetto 😀

Lavate accuratamente il finocchio e i pomodorini, tagliateli a pezzi e poneteli in una ciotola, unite il tonno (e a piacere la cipolla, ma sssssh) e infine versate i cereali. Condite il tutto con olio e sale (l’aceto sempre all’ultimo momento, io solitamente mi porto una bottiglietta da casa e tutti mi prendevano in giro, ma poi TUTTI a mangiare le mie insalata, ‘nfami) e ponete in un recipiente adatto al trasporto 🙂

Ovviamente è un piatto versatile da conservare anche in casa, perché si mantiene – sempre ben chiuso in un recipiente ermetico – anche per una settimana. Ve lo posso assicurare perché una volta una mamma per una settimana mi ha fatto mangiare insalata di riso: sempre la stessa. Ormai ho gli incubi su questa storia 😥

insalata di farro e orzo (10)

-Ilaria-

SEGUITECI SU FACEBOOK!
SEGUITECI SU GOOGLE+!
SEGUITECI SU TWITTER!

Annunci

38 pensieri su “I menù fuori casa: insalata di orzo e farro

  1. Passato il mal di testa? Le insalate sono sempre gradite, piacciono a tutti, e con il caldo sono una vera risorsa, anche dentro casa. Quanto alla politica … dico anch’io di lasciarla fuori. I referendum sono sempre un fallimento, inutile stupirsi.Ma stai tranquilla che non ci saranno trivelle a 20 metri dalla riva!

    1. Purtroppo no, non riesco a capire perché 😦 poi io non sono nemmeno abituata a prendere medicinali, quindi me lo sto tenendo a denti stretti >.<
      Già! Oggi mi sono informata pure io e ho visto che sono ben pochi quelli che hanno attirato davvero tantissima gente. Rispetto a quelli passati (a parte alcuni) ha riscosso successo 😄

  2. Adoro le insalate di tutti i tipi, in estate mi nutro solo di piatti così, ma non solo anche in pieno inverno mi piace quando sono da sola a casa a pranzo prepararmi piatti freschi e sani 😀

  3. Esco dal tema: non dobbiamo poi, noi italiani, lamentarci se le cose non funzionano: cosa costava ad andare a votare? A quelli ai quali chiedevo: vai a votare? Mi riscondevano: no, tanto poi non serve a nulla, bene, andiamo avanti così, con questa nostra “stanchezza” è proprio lei la “loro” forza… Scusa lo sfogo, poi cancella pure 😉

    1. No, figurati! Io stamattina ero così nervosa che mi sono scatenata il mal di testa… Forse dovevo prima scrivere l’articolo e poi leggere gli articoli >.> la cosa che mi ha dato più fastidio è che i paesi che un giorno potrebbero avere delle trivelle a 20 m dal dalle abitazioni sono stati quelli che per la maggiorparte si sono astenuti! Ma che vi costa andare a votare? Ci vogliono 2 minuti contati… Informarsi, 5. Fare il vostro dovere, 7 minuti.

        1. Avevo iniziato infatti, pensando di scriverci qualcosa sopra, ma purtroppo è un blog di cucina e non mi sembrava il caso di fare un così tanto off topic… Anche se mi sarebbe piaciuto dire la mia, nei giorni precedenti! Anche se so che, almeno al mio paese, il mio l’ho fatto! Ho fatto venire un geologo e l’ho fatto parlare – in maniera asettica – del caso delle trivelle e del referendum.

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...