Immagine

Cozze gratinate

La ricetta originale (se così posso dire), mio padre la ebbe da alcuni amici pugliesi. Loro però non usavano il formaggio, quindi la ricetta era leggermente più “leggera”. Mio padre l’ha modificata e l’abbiamo preparata assieme: io ho pesato e lavorato l’impasto e lui ha farcito le cozze 😀

cozze gratinate (3)

Ingredienti: x4 persone

  • Aglio q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Olio evo q.b.
  • 1 kg di cozze
  • 150 gr di pangrattato (oppure pane raffermo ridotto in briciole)
  • 50 gr di pecorino secco grattugiato (oppure parmigiano)

Preparazione:

Pulire le cozze. Per farle aprire metterle in una pentola molto capiente, aggiungendo un cucchiaio di olio e con un coperchio cuocerle a fuoco lento. Di tanto in tanto girarle fino a che non si saranno aperte. In una ciotola miscelare aglio tagliato finissimo, prezzemolo tritato, pangrattato e pecorino, aggiungere olio e il brodino che le cozze hanno rilasciato, colandolo per bene. Miscelare il tutto fino a quando non si sarà formata una sorta di pasta morbida. Prendere le cozze e aprire, lasciando solo il mollusco interno. Con un cucchiaio, prendere la pasta e coprire il guscio della cozza, coprendo anche il frutto, mettendole poi in una teglia fino a finire tutte le cozze. Consigliamo di scegliere le cozze più grandi! Riempita la teglia, insaporire con un po’ di olio tutte le cozze ripiene in questa maniera e poi mettere nel forno a gratinare, finché la pasta non avrà assunto un colore dorato. Servire calde 🙂

-Ilaria-

Annunci

46 pensieri su “Cozze gratinate

          1. A me l’anno regalato a Natale mio figlio e mio marito, ” dire, fare e brasare” però grazie a lui ho imparato a sfilettare il pesce, ho provato con orate e branzino una meraviglia a casa sono tutti contenti perché odiano vedersi il pesce intero nei piatti!

  1. Ricordo di averle mangiate a un ricevimento di nozze almeno 10 anni fa. Avevano un aspetto ottimo ma mi hanno fatto male. Dal giorno non le ho mai più mangiate.
    Però colgo il tuo messaggio subliminale e credo che sia il caso di fare la pace con questa ricetta!
    🙂

  2. Tuo padre è un mito ed è fortunato ad avere una figlia come te che cucina, come dice Maria Pia Timo (la vespa teresa): lacucina delle mamme, delle nonne (aggiungo del babbo 😀 ) se non te la fai raccontare..non la mangi mica più!

Lascia un commento! :)

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...